FISPMED Network

Home » le nostre proposte, le nostre iniziative » Educazione ambientale. La Fispmed aderisce e sostiene l’appello di Marrakech

Educazione ambientale. La Fispmed aderisce e sostiene l’appello di Marrakech

A Marrakech (Marocco) si è svolto dal 9 al 14 giugno 2013 il 7 ° Congresso Mondiale dell’Educazione Ambientale, con il tema dell’educazione ambientale e della armonia tra città e campagna. Quasi 2.000 persone provenienti da 105 paesi di tutto il mondo hanno partecipato. La conferenza è stata anche segnata dalla presenza di rinomate istituzioni internazionali come l’UNESCO, l’UNEP e dell’ISESCO.

La settima sessione si è tenuta alcuni mesi prima della fine del Decennio delle Nazioni Unite dell’Educazione per lo Sviluppo Sostenibile, è stata l’occasione per incontri, scambi tra i partecipanti e la conclusione di partnership e la proposta di nuove iniziative a livello locale, regionale e internazionale.

L’entità della partecipazione e del gran numero di contributi teorici e di ricerca presentato offerto una panoramica quasi completa della situazione generale di educazione ambientale, con i suoi punti di forza e di debolezza. Questi stessi studi hanno anche messo in evidenza il contributo fondamentale di educazione ambientale nella transizione verso un futuro sostenibile.

Inoltre, dopo i lavori del 7 ° Congresso Mondiale di Educazione Ambientale, i partecipanti raccomandano:

1. Aumentare il sostegno dei governi, delle organizzazioni internazionali e donatori per progetti di educazione ambientale.

2. Riconoscere il ruolo della società civile in educazione ambientale e di rafforzare il suo ruolo in questo settore.

3. Rafforzare il dialogo e il coordinamento tra tutte le parti interessate al fine di una migliore sinergia nella definizione delle strategie e l’attuazione di progetti di educazione ambientale.

4. Stabilire reti di attori di educazione ambientale per facilitare la condivisione di conoscenze, know-how, esperienze e buone pratiche.

5. Promuovere l’inclusione delle specificità territoriali e la mobilitazione degli attori locali nello sviluppo e realizzazione di progetti di educazione ambientale che cercano di rispetto per la natura, i valori di ecocittadinanza e solidarietà.

6. Sviluppare strumenti educativi e materiali innovativi e usando più adattato alle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, pur continuando lo sviluppo di strumenti tradizionali.

7. Promuovere la ricerca e lo sviluppo in vari campi di educazione ambientale: metodi di apprendimento, strumenti di valutazione e lo sviluppo di atteggiamenti, valori e comportamenti più rispettosi dell’ambiente.

Pertanto, invitiamo tutti gli interessati a prendere in considerazione le raccomandazioni della Dichiarazione di Marrakech e di tradurle in azioni e misure concrete per la transizione ad aziende più verdi e socialmente responsabili.

La Fispmed ONLUS diffonderà tra i Suoi 220 soci/partner presenti in 39 Paesi del Mediterraneo Mar Nero il testo chiedendo di farsi promotori verso i loro Paesi per la promozione dei princi espressi dall’appello stesso.

Altre informazioni: http://www.greenreport.it/news/comunicazione/angelini-unesco-marrakesh-appello/

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: