FISPMED Network

chi siamo

ambientalismo ragionevole

FISPMED: storia, obiettivi, organizzazione e strumenti di lavoro.

L’associazione “Federazione Internazionale per lo Sviluppo Sostenibile e la Lotta contro la Povertà nel Mediterraneo-Mar Nero” – FISPMED – nasce nel 2004 sulla base dell’esperienza positiva acquisita attraverso il progetto Seam, supportato dalla Commissione Europea (DG Allargamento e DG Politiche Regionali) e del Ministro dell’Ambiente Italiano, il quale diede origine al network composto da 188 partners appartenenti a 38 differenti paesi, rappresentanti di istituzioni culturali, ong, agenzie non governative, centri di studio, istituti di ricerca, università. Nel 2008 la Regione del Veneto con Legge regionale approvata all’unanimità diviene socio Fondatore.

L’associazione, ad oggi, conta 224 partners in 39 paesi diversi dell’area Euro-Mediterranea e del Mar Nero, rappresentando, quindi, oltre 1,8 milioni di cittadini e cittadine della medesima area. L’ufficio di coordinamento conta su di uno staff di 4 persone a tempo pieno.

Il bacino geografico di riferimento è quello del Mediterraneo-Mar Nero, il quale è accomunato da una tradizione storica antica (il bacino Mediterraneo era chiamato anche Mar Bianco di mezzo, in contrapposizione al Mar Nero), fatta di incontri e scontri di civiltà diverse (basti pensare che l’area racchiude i membri delle 3 più grandi religioni monoteiste).

Attualmente il medesimo bacino è attraversato da numerose problematiche politiche, economiche, sociali e culturali, di complessa e difficile risoluzione, ma in esso si riconosce l’inderogabile necessità, avvertita da tutti i paesi membri indistintamente, di risolvere le questioni di carattere ambientale: esse, infatti, interessano indistintamente la riva sud e la riva nord del bacino geografico di riferimento e sono inequivocabilmente legate al comune destino di tutta l’area.

E’ per questo che FISPMED attribuisce carattere prioritario alle questioni ambientali e a quelle legate allo sviluppo sostenibile, in linea con numerosi documenti di carattere internazionale.

Di conseguenza, FISPMED riconosce quali prioritarie le azioni volte a:

  •  migliorare la gestione dell’acqua e la domanda ad essa legata;
  •  incentivare l’uso razionale dell’energia, incrementare quello delle risorse energetiche rinnovabili e, inoltre, limitare i cambiamenti climatici e avviare un processo di adattamento ad essi;
  • supportare la mobilità sostenibile attraverso una gestione appropriate dei trasporti;
  • garantire un turismo sostenibile che possa diventare un settore economico trainante;
  • assicurare uno sviluppo sostenibile agricolo e rurale;
  • incentivare lo sviluppo urbano sostenibile;
  • favorire lo sviluppo sostenibile del mare, delle zone costiere e delle risorse marine.

FISPMED si adopera attraverso azioni volte a rafforzare il contributo della società civile che essa rappresenta, attribuendole la possibilità di esprimere le proprie riflessioni in merito alle politiche comunitarie e internazionali nelle quali essa è direttamente coinvolta (i.e. l’attuale Processo di Barcellona: Unione per il Mediterraneo). FISPMED, di conseguenza, raccoglie le istanze dei cittadini che rappresenta e le sottomette all’attenzione dei responsabili istituzionali delle medesime politiche, col fine di contribuire al miglioramento del decision-making process, al rafforzamento del processo democratico partecipativo e alla ricerca di soluzioni adeguate e più efficaci, ovvero che rispondano alle reali esigenze della popolazione coinvolta. D’altra parte, per far ciò, FISPMED si avvale anche di progetti di carattere comunitario e internazionale che nascono dalla rete e sviluppano sinergie atte a migliorare le condizioni di vita dei medesimi cittadini di tutta l’area Euro-Mediterranea e del Mar Nero.

Ogni anno FISPMED seleziona progetti elaborati dai propri soci. Due progetti ogni anno (uno per l’est e l’altro per il sud del Mediterraneo Mar Nero), annunciati il 21 marzo, sono finanziati lanciando per la durata di 12 mesi successivi una specifica e articolata campagna di raccolta fondi.

Gli elementi fondamentali sui quali FISPMED basa la propria azione sono:

  • l’importanza dell’accesso all’informazione, in modo da stimolare nuove azioni che possano, appunto, derivare da una conoscenza adeguata delle problematiche dell’area;
  • il rafforzamento della partecipazione, ovvero di processi di democrazia diretta attraverso il coinvolgimento del maggior numero possibile di attori sociali nelle pratiche di costruzione di consenso a livello locale, la stimolazione di processi nel settore privato che possano essere convergenti con le azioni pubbliche, ecc…
  • il conseguente miglioramento della trasparenza e dell’efficacia nelle politiche pubbliche di intervento.

Nella sua azione, FISPMED si avvale di un Comitato Direttivo, del contributo del Comitato Scientifico, il quale si compone di prestigiosi professori universitari dell’area Euro-Mediterranea e del Mar Nero e del contributo dei suoi 216 membri-partners, coi quali è garantita una comunicazione costante.

L’organizzazione territoriale di FISPMED è così strutturata:

  • un segretariato tecnico di coordinamento internazionale in Venezia, Italia;
  • 4 segretariati regionali, uno per ciascuna macroarea ( Sud Europa e Riva nord del Mediterraneo; Nord Europa; Europa dell’Est e Paesi del Mar Nero; Mashrek; Maghreb);
  • un segretariato tematico dedicato alle problematiche delle piccole e medie imprese.

Inoltre, la Federazione si avvale anche del contributo del settore privato attraverso la partecipazione di confederazioni industriali, commerciali e artigianali. Sono soci di FISPMED i due più significativi network di rappresentanza confindustriale del Mediterraneo-Mar Nero.

Lo stesso procedimento è stato avviato per ora con diverse altre regioni italiane ed in futuro con le regioni degli altri Paesi partner della Cooperazione Euro-Mediterranea e Mar Nero.

FISPMED ha chiesto all’Assemblea Parlamentare Euro-Mediterranea, all’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo e ai co-Presidenti dell’Unione per il Mediterraneo il riconoscimento con status di osservatore. Ha già ottenuto lo status di osservatore dal Parlamento del Mar Nero. Ha partecipato alle Assemblee Parlamentari del Parlamento per il Mediterraneo e dell’Assemblea Parlamentare per l’Unione per il Mediterraneo.

FISPMED ha attivato alcuni social network e attualmente conta svariati gruppi di sostegno e migliaia di amici su Facebook, aggiornato quotidianamente: https://www.facebook.com/fispmed.onlus

FISPMED è anche presente su WordPress, Ammado, Globagiving, Blogger, Bloglibero, Pledgepege, Chipin, Change.org, Givemeaning, EasySponsorship, Socialvibe, Mycause,

La Fispmed ONLUS co-coordina la rete nazionale della Anna Lindh Foundation: http://www.euromedalex.org/networks/italy ; Fondazione di proprietà dell’Unione Europea e dei Paesi della sponda sud del Mediterraneao. Rete vigilata dal Ministero degli Affari Esteri. Ed è fondatore della RIDE: http://www.alfitaly.org/alf-italy/

La Fispmed si occupa del Sustainable Development Solutions Network per l’area Mediterranea assieme all’Università di Siena.

Progetti in corso:

  • in qualità di capofila:
    • “LO SVILUPPO DELLA CULTURA ALIMENTARE MEDITERRANEA PER STIMOLARE LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEI TERRITORI” www.dietamed.info
  • partner: Presidenza Consiglio dei Ministri, Ministero Politiche Agricole, Comune di Solarino
  • capofila: ALDA – Association of local Democracy Agencies, Unione Europea
  •                 capofila: HabitatLAB Onlus
    • PROGETTO MEDITERRANEA
      • Capofila: Società Spray srl – 2014 – 2019

http://www.progettomediterranea.com/

Iniziative promozionali internazionali annuali:

operazione Delphis:http://www.battibaleno.it/battibaleno_operazione%20delphis%202012.htm

Il mar Mediterraneo ospita una delle più forti concentrazioni di delfini e balene al mondo.

Per meglio conoscere e proteggere queste creature, ogni anno migliaia di marinai e diportisti, veri navigatori naturalisti, diventano ausiliari della scienza partecipando all’operazione Delphis.

Mediterraneo Video Festival: http://www.medvideofestival.net/

Il Mediterraneo Video Festival è un concorso internazionale del cinema documentario.
E’ lo spazio dove si incontra e si confronta la cinematografia documentaristica internazionale, con particolare attenzione ad un cinema che riflette la diversità umana e la comprensione delle differenze , che promuove il rispetto delle identità dei luoghi e favorisce il dialogo interculturale. E’ il luogo che si apre alle produzioni indipendenti spesso invisibili e diventa vetrina, oltre che per i cineasti, anche per produttori e distributori.

Conferenze internazionali svolte:

  • European Development Days, 16 – 17 ottobre 2012, Bruxelles

WTD (Working Together for Development

Questo progetto coinvolge sia associazioni che autorità locali e network di ONG e ha come obiettivo il miglioramento delle capacità di questi soggetti di cooperare come agenti di sviluppo, sia in Europa che al suo esterno, portando avanti azioni in partenariato fra l’Unione Europea e le istituzioni nazionali.

  • International Conference “Human Rights and Intercultural Dialogue in Development” – Paris 10th December:

Working sessions:

Human Rights and Environment: an inextricable link? Lead by FISPMED -­ International Federation for The sustainable development and the fight against poverty in the Mediterranean-­Black Sea 

Unioncamere del Veneto – Sala Europa – Via delle Industrie 19/C

Il sistema delle fortificazioni della laguna di Venezia opportunità di sviluppo locale condiviso e valorizzazione; Il caso studio di Forte Marghera, tra progettualità pubblica e privata:

  • porta di accesso all’ecomuseo della laguna di Venezia e dei territori di gronda (legge regionale 10 agosto 2012, n. 30)
  •  “un centro europeo per le arti, le tradizioni e gli antichi mestieri e l’università dei mestieri mediterranei”;
  • banca prossima: terzo valore, la  crescita dell’Economia del Bene Comune.
    • Le cinque giornate per le comunità Mediterranee – 21 – 25 maggio 2013 – Venezia: 

“Vi è un’Europa desiderosa e disposta a sedersi attorno al suo mare (Mediterraneo), e a conversare, scambiandosi idee, tradizioni, progetti, inquietudini?”

Il network Fispmed è_

Annunci